Jokespedia
avatar Entra

Avventura con un travestito

Da Jokespedia.

In faccia era più liscio della cera
che barba s'era fatto quella sera
era ‘na bomba, infatti me so detto
nun so più io si nun la porto a letto.
Tutto sembrava forchè 'n travestito,
perciò come 'no stronzo so 'mboccato.
Credenno pure a tutte quelle scuse
quanno me disse " No, c'ho le mie cose!"
Pe' conquistalla io la rispettavo
aspetto che guarisca, me dicevo.
A questa si' che jela do 'na botta
questa nun è la solita mignotta.
E m'atteggiavo a gran conquistatore,
questa la porterei pure all'altare.
Così partii co' 'n po' de tenerezze,
mai fatte 'n vita mia tante carezze.
Co' 'n bacio 'n bocca j'ho mozzato er fiato,
solo ar ricordo quanto ho vomitato.
Pensai... chissà se la rivedo ancora,
nun farei mejo a fammela stasera?
E sì, me dissi, e intanto m'eccitai.
Mejo indisposta mo', che sana mai.
E ormai io spasimavo dalla voja,
me feci strappà pure la vestaja.
Nun ce vedevo tanto ero partito
verso un traguardo fatto de peccato.
Ma quanno je 'nfilai la mano sotto,
co' la violenza che c'ha solo 'n matto,
restai de ghiaccio: 'n mezzo a quelle cosce
la mano mia acchiappò du' cose mosce.
Mai viste cosi' grosse 'n vita mia,
du' palle come li mortacci sua!
Sopra la mano mia paralizzata
pe' quella 'nfame meta conquistata.
Se tanto me dà tanto, pensai ar resto,
e ritirai la mano presto presto.
Amo scherzato, dissi, pija quer pacco.
Sennò je do du' carci e te lo stacco.
Me ritrovai sdraiato sul tappeto,
tutto abbracciato ancora a quer cornuto.
Oltre alla rabbia d'esseme eccitato,
c'avevo l'occhi der rincojonito.
Bella figura feci con me stesso,
robba d'anna' in esilio dentro ar cesso.
Se rivesti' de corsa la signora,
guardannome co' l'occhi de paura.
E scappò via! Me vergognai parecchio,
e cominciai a fa' i conti co' lo specchio.
Puntai lo sguardo e m'accusai: "'A Vincenzo...
nun sei 'n conquistatore, sei 'no stronzo!"
Speriamo che 'sta cosa nun se sappia!
Tu e er travestito, pensa un po' che coppia.
Te venne 'n mente pure er matrimonio,
sai che piattini? "Palle ar pinzimonio"!
Le donne l'hai 'nventate te? 'A sonato!
Er primo travestito t'ha fregato.
La donna tu guardannoje 'n molare
sapevi si c'aveva 'n ber sedere.
Ancora a 'ste stronzate sei legato?
Scenni dar parco er pubblico è già 'scito,
nun c'è rimasto manco 'n travestito.
Te disse "Caro no, c'ho le mie cose!"
E tu pensavi ar ciclo d'ogni mese.
Invece le sue cose erano quelle
che volgarmente noi chiamamo palle.
Tu vedi er sole e trovi la tempesta.
A vorte è lunedì e te sembra festa.
La vita è un dubbio tutto da scoprire:
quelli so' maschi oppure so' signore?
Chi vo' la verità deve toccare:
Prego signori, venghino a toccare!
Prego signori, venghino a toccare!
Prego signori, venghino a toccare!

(Franco Califano)


0.00
(0 voti)